Come scegliere un idropulsore portatile che sappia soddisfarci?

Se si ha poco spazio in bagno, se lo si vuole utilizzare anche quando si è fuori casa o in viaggio, la soluzione migliore è quella fornita da un idropulsore portatile. Pur avendo un aspetto più compatto e di poco ingombro, anche nella versione portatile l’idropulsore saprà garantirci una ottimale igiene dentale.

Ma come scegliere un idropulsore portatile che sappia soddisfarci? Certamente, data la vastità di modelli che il mercato mette in vendita, qualche dubbio e difficoltà e più che facile che possa sorgere.

Vediamo, pertanto, alcuni suggerimenti che possano aiutarci a scegliere quel modello che sappia effettivamente avere tutte quelle caratteristiche che stiamo cercando.

Quali sono i fattori decisivi?

Fondamentalmente, nella scelta di un idropulsore portatile che possa offrirci una perfetta pulizia dentale, vi sono tre fattori decisivi. Il primo è la modalità di pulizia, il secondo aspetto da considerare nello scegliere un modello è la regolazione del getto, mentre il terzo è la sua struttura. Vediamo, perciò seppure sinteticamente la valenza di questi fattori nell’andare a scegliere un idropulsore portatile.

  • Primo fattore: modalità di pulizia
    Quando si fa riferimento alle sue modalità di pulizia, si intende quale sia la modalità con quale andrà ad erogare l’acqua oppure il colluttorio. Questo aspetto, è molto importante in considerazione del fatto che il tutto andrà ad influenzare il risultato della pulizia che sarà possibile ottenere.Dato che è un importante complemento per ottenere una soddisfacente igiene orale, i suoi getti dovranno essere in grado di arrivare ovunque. Così facendo, infatti, si potrà eliminare sporcizia, batteri e placca, ovunque si vadano a depositare.Per queste ragioni si potrà scegliere tra un modello a getto d’acqua, oppure a getto di acqua e di aria. In più, sono disponibili modelli con modalità speciali, tramite le quali si avranno a disposizione programmi particolari di pulizia ove, tanto l’intensità quanto la durata, è preimpostata.
  • Secondo fattore: regolazione del getto
    Dato che sul mercato vi sono modelli che propongono un getto singolo, un getto multiplo come pure una regolazione dell’intensità, analizzare questi aspetti di questo fattore sarà utile per individuare il modello che sappia soddisfare le personali esigenze di pulizia orale. Infatti, la regolazione del getto è fondamentale per poter scegliere la modalità e la potenza. In questo modo, risulterà perfetto per ottenere vari tipi di pulizia essendo maggiormente più efficace e versatile.
  • Terzo aspetto: la sua struttura
    Ovviamente, dato che stiamo cercandone una versione portatile, sarà bene considerarne la struttura, ovvero l’ingombro e capienza del suo serbatoio. In termini di importanza, questo fattore è paritetico agli altri. Difatti, dovrà essere pratico e permettere un suo comodo utilizzo quotidiano. In questo caso, è da ricordare che, data la sua struttura compatta, necessariamente, lo stesso manico andrà ad integrare al suo interno il serbatoio.

In conclusione, dato che oltre essere compatti hanno un funzionamento cordless e, quindi, senza la necessità di dipendere da quanto può essere lungo il cavo, questi tipi di apparecchi sono eccezionali per tutti i soggetti che desiderano avere una perfetta igiene orale in ogni occasione, anche quando si è fuori casa o in viaggio.