Il miglior colluttorio 2018

In moltissimi concludono lo spazzolamento dei denti ogni giorno facendo uno sciacquo con il colluttorio.

Usare il colluttorio non è necessario come lavare i denti, o passare il filo interdentale, ma è comunque una buona pratica per garantirsi la migliore igiene orale e un alito sempre gradevole e profumato, visto che lo spazzolino non è sempre in grado di rimuovere i batteri che sono causa di cattivi odori, carie e gengiviti.

Lo sciacquo con il colluttorio dovrebbe durare dai 30 secondi al minuto

Tipi di colluttorio

In commercio ci sono moltissimi brand e tipi di colluttorio, che si distinguono per funzionalità e principi attivi contenuti: colluttori sbiancanti, remineralizzanti, bilancianti, profumanti, saponosi, alle erbe, al triclosan, al fluoro, all’aloe, allo xilitolo, da diluire, da usare in modo diretto, con e senza alcool…

colluttorio migliore…ma non bisogna mai dimenticare che anche il colluttorio migliore è una sostanza chimica e andrebbe utilizzata solo dopo aver consultato un dentista o un’igienista dentale, usando la massima prudenza e rispettando i tempi e le modalità d’uso descritte dalle istruzioni del prodotto nel foglietto illustrativo.

La principale distinzione da fare quando c’è da scegliere il miglior colluttorio è quella tra prodotti cosmetici da banco, in vendita presso mercerie e supermercati e prodotti medicati, che richiedono una prescrizione medica e sono in vendita solo presso le farmacie.

I colluttori cosmetici da banco

I colluttori da banco sono per lo più prodotti profumanti, con effetti preventivi e curativi ridotti. Sono insomma semplici rinfrescanti per l’alito che senza l’azione meccanica dello spazzolino, sono pressoché inutili: i batteri che ricoprono i denti non vengono rimossi e vi si attaccano saldamente formando la placca.
In compenso, contenendo alcool, il loro uso prolungato e senza controllo (più di due volte al giorno) può portare, in persone particolarmente sensibili, al formarsi di lesioni all’interno della bocca.

A questo proposito, se si cerca un colluttorio per alito cattivo da usare frequentemente, è bene sapere che esiste in commercio anche il colluttorio senza alcool e per bambini. Questi sono da preferirsi proprio per evitare qualsiasi rischio di infiammazione dell’interno guancia e del cavo orale in genere.

I colluttori medicati

I colluttori medicati, invece, sono veri e propri farmaci con forti capacità antibatteriche. Questi ultimi vengono usati dopo un intervento, oppure quando ci sono problemi gengivali.

I colluttori medicati andrebbero utilizzati solo sotto consiglio del dentista e per brevi periodi, massimo un paio di settimane, perché possono portare effetti collaterali: macchie scure sui denti, cambiamenti nella percezione dei gusti da parte di chi li usa e la distruzione dei batteri “buoni” che tengono sana la bocca bilanciando con la loro presenza quella dei batteri “cattivi” che portano al decadimento dei denti.

Tra i principi attivi e gli agenti chimici più utilizzati nei colluttori medicati vi sono la clorexidina e il triclosan per la disinfezione, il fluoro per la remineralizzazione e la protezione dello smalto e lo xilitolo, mentolo ed altre erbe per la profumazione e il bilanciamento del pH della bocca a livelli ottimali.

Come usare il colluttorio in modo mirato

Usare il miglior colluttorio e avere estrema cura della propria igiene orale è utile a sconfiggere una malattia parodontale, causa di problemi piuttosto fastidiosi, ma molto comuni.

E’ buona norma, quando si ha questo tipo di esigenza, usare il colluttorio in modo topico, e cioè in modo mirato in un determinato punto della bocca. Per farlo basta versare del colluttorio puro in un contenitore, immergervi la testina dello spazzolino, magari a setole morbide, e utilizzarle lo spazzolino per massaggiare delicatamente la gengiva nella zona interessata.

Questo tipo di operazione si può fare anche con uno spazzolino elettrico, purché si scelga una testina dalle setole morbide e il programma massaggio.

Altri usi casalinghi per il colluttorio

Il colluttorio viene usato principalmente per la salute della bocca e dei denti, ma ci sono anche altri utilizzi.

  • Pediluvio sbiancante ed esfoliante per i talloni: un bicchierino di colluttorio diluito conuno di aceto di mele o di vino bianco in una bacinella d’acqua.
  • Disinfettante per orecchini
  • Deodorante ascellare: in questo caso va posto su un batuffolo di cotone e non bisogna vestirsi prima che sia trascorso qualche minuto
  • Profumatore per abiti in lavatrice: in particolare contro l’odore di umidità e muffa che si ha quando di inverno c’è poco sole e i vestiti si asciugano lentamente.
  • Disinfettante e profumante per lo scarico della doccia e del bagno: aspettando circa mezz’ora prima di aprire l’acqua dopo aver versato un po’ di colluttorio.
  • Metodo per alleviare il prurito da punture di insetti.
    Profumatore per la spazzatura: basta mettere un po’ di colluttorio su un tovagliolo sul fondo del cestino per contenere significativamente gli odori dei rifiuti, anche umidi.
  • Prodotto pulente per lo schermo di dispositivi elettronici, come telefoni e tastiere, una volta diluito con acqua e posto in un erogatore da profumo.
  • Come ingrediente per fare lo slime a casa.

Quanto costa il colluttorio?

Il colluttorio prezzo varia tra i 4 e i 15 euro circa.

Come fare il colluttorio in casa:

Fare il colluttorio naturale in casa è molto semplice.

Gli ingredienti che occorrono per 100 grammi di colluttorio sono:

  • miglior colluttorio80 g Acqua oligominerale
  • 20 g Alcool 95°, comunemente usato per fare liquori
  • 2 g Xilitolo in polvere (oppure sorbitolo, o Stevia) Nota: Lo xilitolo è un dolcificante che secondo alcuni studi scientifici combatte la carie e favorisce la remineralizzazione dei denti e riduce la formazione della placca.
  • 5 gocce olio essenziale di alloro
  • 15 gocce olio essenziale di limone.Nota: Alcuni sostituiscono agli olii essenziali di limone e di alloro quelli di menta, salvia, anice e così via

Il processo è questo:

  1. Si mette in un bicchiere l’alcool, si aggiungono le gocce di olio essenziale, si miscela
  2. In un altro contenitore si versa l’acqua, si aggiunge xilitolo in polvere, si miscela
  3. Si uniscono le due miscele e si mescola ancora il tutto

Questo colluttorio va utilizzato diluito con acqua e facendo attenzione ad agitare il flacone prima dell’uso.

Come si scrive? “collutorio” o “colluttorio”?

Sebbene in questo articolo abbiamo usato la forma, impropria “colluttorio”, la parola andrebbe scritta con una sola t.

Tutti la pronunciano con due t, compresi i doppiatori delle pubblicità, che di solito sono impeccabili, per questo motivo la forma scritta più usata è quella scorretta: “colluttorio”.